Mostro: 35 punti

Mappa di comunità educante dei ragazzi e delle ragazze delle scuole: Istituto comprensivo "Luigi Sturzo-Asta" e I.T.E.T Garibaldi, Marsala

A colpo d'occhio: 
La mappa di comunità educante è l'elemento centrale della piattaforma e rappresenta le opportunità educative presenti nel territorio di Marsala. I luoghi significativi ed educanti sono stati scelti dai ragazzi e dalle ragazze dell'Istituto Comprensivo Luigi Sturzo-Asta e dell'Istituto ITET Garibaldi. Le due scuole coinvolte nel progetto sono gli elementi centrali della mappa, partendo da esse si è promosso un lavoro partecipativo che ha visto il coinvolgimento, degli studenti e delle studentesse, degli insegnati, delle famiglie, e degli operatori del progetto, individuando attivamente i luoghi con cui tessere le relazioni per costruire la Comunità Educante. La mappatura contiene presidi di educazione formale, non formale ed informale.
Il processo: 
La mappa di comunità educante è il risultato di laboratori di comunità svolti dai ragazzi e dalle ragazze fruitori del progetto. Attraverso i laboratori gli studenti e le studentesse hanno acquisito consapevolezza sulla percezione del territorio, che ha permesso di fare una analisi approfondita, scoprendo le risorse e le potenzialità di Marsala. Grazie alle varie interazioni con la comunità, è stato possibile mappare diversi contesti di educazione e luoghi di apprendimento formali, non formali e informali. Sono state individuate associazioni sportive, culturali-ricreative, musicali, associazioni ambientali, enti pubblici, biblioteche, oratori, luoghi d'incontro come piazze e parchi. I ragazzi sono stati coinvolti con attività di brainstorming, simulate, giochi di gruppo, tutte hanno permesso ai ragazzi di essere protagonisti attivi e stimolare la partecipazione attiva di tutti. Molti dei contesti mappati, sono il risultato di una partecipazione attiva tra gli studenti e le associazioni, aprendo così un dialogo basato sull'ascolto e sul confronto, dando voce in questo modo ai bisogni degli studenti e delle studentesse, e stimolandoli e motivandoli ,affinchè i giovani possano diventare cittadini attivi della propria comunità.
Le relazioni: 
Durante gli incontri svolti nelle scuole, ma anche on-line, nell'ambito dei laboratori di comunità, sono iniziate ad instaurarsi le connessioni con gli stakeholders, associazioni, presidi formali ed informali. Attraverso i laboratori è emerso il Capitale Educativo ed è iniziato così il percorso per la costruzione di una Comunità Educante.